Ginocchio

L’acido ialuronico viene utilizzato nella medicina estetica per rallentare l’invecchiamento della pelle e curare alcuni suoi inestetismi. Sempre più spesso però vengono eseguite infiltrazioni con acido ialuronico anche nell’ambito della medicina ortopedica, in particolare sul ginocchio e sull’anca per il trattamento dell’osteoartrosi, una patologia che colpisce le cartilagini delle articolazioni; oltre ad essere dolorosa l’osteoartrosi spesso rende difficoltosi i normali movimenti quotidiani come camminare o salire le scale.

In Italia si calcola che siano quasi sette milioni le persone che soffrono di patologie osteoarticolari, in particolare si tratta di donne.

Tali patologie sono causate oltre che dall’eta, la cartilagine del ginocchio e delle articolazioni infatti si deteriora con il passare del tempo, anche dall’eccessivo carico sopportato, soprattutto per quanto riguarda le patologie relative alle ginocchia e quelle dovute ad un’attività sportiva troppo intensa.
Il problema tipico dell’osteoartrosi è che viene curata solo per i suoi sintomi, quindi assumendo dei farmaci antidolorifici ed antiinfiammatori; ciò non cura la causa della malattia e si possono generare spiacevoli effetti collaterali.
La soluzione migliore per la cura delle patologie causate dall’osteoartrosi è, come indicato anche dalla comunità scientifica internazionale, il trattamento con infiltrazioni intra- articolari di acido ialuronico, in particolare per quanto riguarda il ginocchio, che permettono di ripristinare la viscosità e l’elasticità del liquido sinoviale contenuto nelle articolazioni che la malattia aveva in parte compromesso.
L’acido ialuronico è infatti già presente nel ginocchio; esso si trova nel liquido sinoviale delle articolazioni e la sua funzione è quella di permettere a tale liquido di fungere da ammortizzatore per gli shock che le articolazioni ricevono nel corso degli anni ed a seguito di attività sportive o di eccessivo peso da sopportare. Se l’acido ialuronico presente nel ginocchio non è danneggiato compie perfettamente la sua funzione ma se, a causa di invecchiamento o patologie degrada non aiuta il liquido sinoviale a svolgere correttamente le sue proprietà meccaniche anti-shock per le articolazioni e sopraggiunge il classico dolore alle ginocchia ed alle articolazioni tipico dell’osteoartrosi.
L’osteoartrosi non regredisce con le infiltrazioni di acido ialuronico nel ginocchio o in altre articolazioni; tuttavia se i trattamenti vengono effettuati con costanza e correttamente aiuta a lenire e spesso togliere il dolore al paziente, reintegra la quantità naturale di acido ialuronico già presente nel ginocchio ed agisce anche sulla patogenesi della malattia.
Una delle controindicazioni tipiche delle infiltrazioni di acido ialuronico, soprattutto quelle effettuate nel ginocchio, è il comportamento del paziente colpito dalla malattia. I trattamenti infatti andrebbero effettuati in assenza di sintomi per avere successo, quindi quando il paziente non prova dolore; spesso i pazienti, pur colpiti da osteoartrosi alle ginocchia non si sottopongono spontaneamente alle cure se non quando sentono sopraggiungere il dolore vanificando gli effetti benefici delle infiltrazioni di acido ialuronico alle ginocchia.
I nuovi processi di produzione di acido ialuronico a base batterica lo rendono praticamente identico a quello esistente in natura consentendo delle infiltrazioni meno frequenti e più durature nel tempo. In questo modo i pazienti possono affrontare delicati e fastidiosi trattamenti come quelli delle infiltrazioni di acido ialuronico al ginocchio meno frequentemente.